Problemi posturali: scoliosi, cifosi, lordosi

I problemi posturali più diffusi e la loro cura

Curvature della colonna vertebrale

La tipica forma a S della colonna vertebrale, formata dalle quattro curvature fisiologiche

I problemi posturali interessano principalmente la colonna vertebrale, che può essere suddivisa in 4 segmenti; visti lateralmente, ognuno di essi corrisponde a una curva fisiologica (ossia “normale”), che fornisce alla colonna vertebrale la caratteristica forma a S e permette di distribuire uniformemente il peso su tutto il rachide e non solo sulla base.

Queste curvature sono, alternatamente, concave e convesse, e vengono denominate lordosi e cifosi:

  • collo: lordosi cervicale
  • torace: cifosi dorsale
  • addome: lordosi lombare
  • pelvi: cifosi sacrale

Quando queste curvature presentano alterazioni anomale, parliamo di ipolordosi e ipocifosi (se la curvatura è inferiore al range normale) o iperlordosi e ipercifosi (superiore al range normale).

QUALI SONO I SINTOMI?

Questi disturbi, se lievi, possono non presentare sintomi specifici ma causare anche soltanto un leggero mal di schiena nella zona interessata; i casi più gravi, invece, sono evidenti e possono essere accompagnati da sintomi come acuti dolori vertebrali e alla schiena, perdita di equilibrio e capogiri.

QUALI SONO LE CAUSE?

Le cause possono essere varie:

  • cause ereditarie: poca flessibilità nei muscoli della parte bassa della schiena o delle anche, debolezza dei tendini (specialmente quelli rotulei)
  • cause acquisite: postura scorretta, traumi, eccessivo grasso addominale, gravidanza.

QUALI RIMEDI SI POSSONO ADOTTARE?

Una valutazione podologica e posturale è in grado di rilevare la presenza dei fattori ereditari che favoriscono l’insorgere del disturbo e anche la tendenza a una postura scorretta.

Ci si può sottoporre alla visita sia per prevenzione (altamente consigliabile, considerando che questi problemi posturali sono più facili da correggere se scoperti presto), sia per cercare rimedio a un disturbo già in corso: in ogni caso, lo specialista saprà consigliare la terapia più opportuna, molto probabilmente ricorrendo a una collaborazione multidisciplinare con fisioterapisti e osteopati.

Infatti, i rimedi consistono nelle varie tecniche di rieducazione posturale: sedute di ginnastica posturale e di rinforzo muscolare, allenamento alla postura corretta, consulenza specialistica utile alla scelta dell’attività sportiva adatta, specie nei più giovani.

SCOLIOSI

Tra i più noti problemi posturali troviamo anche la scoliosi: anch’essa presenta un’alterazione della fisiologia della colonna vertebrale, ma in senso laterale.

CAUSE

Le cause possono essere molteplici, dalle malformazioni genetiche alle dismetrie degli arti, ma nell’80% dei casi la scoliosi si definisce “idiopatica”, ossia causata da fattori sconosciuti.
Anche i sintomi sono vari e chi ne è affetto non li presenta necessariamente tutti:

  • spalle ad altezza differente
  • inclinazione del corpo verso un lato
  • testa in posizione non centrale
  • irregolarità nelle costole, nei fianchi e persino nella cute che ricopre la colonna vertebrale

PREVENZIONE E RIMEDI

La scoliosi colpisce circa il 3% dei bambini in età evolutiva: questo dato e l’elevata trattabilità della patologia agli stadi iniziali rendono la prevenzione l’arma vincente; infatti, se nei casi più lievi la correzione è effettuata con esercizi correttivi di ginnastica mirata ed, eventualmente, ausili ortopedici, nei casi più gravi l’unica soluzione è quella chirurgica.

A cura dello staff Fisiopodos
Il materiale pubblicato ha lo scopo di avere un rapido accesso a consigli, suggerimenti e rimedi di carattere generale che medici e libri sono soliti dispensare. Tali indicazioni non devono in alcun modo sostituirsi al parere del medico curante o di altri specialisti.