Alluce valgo senza intervento: come gestire la patologia

Alluce valgo senza intervento: come gestirlo?

È possibile curare l’alluce valgo senza intervento?
Bisogna innanzitutto chiarire una cosa importantissima: la cura, intesa come correzione più o meno completa della patologia, non è possibile senza intervento.

È possibile, invece, gestire la patologia con soluzioni non chirurgiche valide. È consigliabile ricorrervi in casi di lieve entità o all’insorgenza dei sintomi: per questo la prevenzione è di fondamentale importanza.

Soluzioni non chirurgiche

Agli stadi iniziali della patologia, si può ricorrere a terapie conservative, utili a fermare o almeno a rallentare notevolmente la progressione della patologia e a gestire i sintomi dell’alluce valgo senza intervento (principalmente il dolore):

  • impacchi di ghiaccio applicati più volte al giorno per alleviare il dolore e l’infiammazione
  • plantari su misura, indossati con costanza (realizzati in base alle proprie esigenze specifiche dopo essersi sottoposti a una valutazione podologica e posturale)
  • terapia farmacologica con antinfiammatori e antidolorifici per via orale
  • riposo
  • infiltrazioni di cortisone o acido ialuronico
  • esercizi di ginnastica mirata consigliati dal fisioterapista
  • fisioterapia e terapie fisiche quali onde d’urto, ultrasuoni o laserterapia
  • utilizzo di tutori: divaricatori in silicone (sia diurni che notturni) per tenere l’alluce separato dalle altre dita, guaine elastiche con cuscinetti in silicone per proteggere esostosi e borsite, tutori articolati dinamici
  • utilizzo di calzature adeguate consigliate da uno specialista (specialmente per alloggiarvi i plantari), che riprendano la forma del piede, forniscano il giusto sostegno e permettano il comodo alloggiamento delle dita

Quando le terapie conservative non ottengono risultati apprezzabili o quando la patologia è già a uno stadio avanzato, è necessario ricorrere alla chirurgia, anche perché un alluce valgo non trattato può portare a conseguenze gravi e dolorose, come l’artrosi.

A cura dello staff Fisiopodos
I nostri approfondimenti comprendono conoscenze, consigli, rimedi e suggerimenti di carattere generale. Non devono assolutamente sostituirsi al parere del medico curante o altri specialisti, a cui è sempre fondamentale rivolgersi prima di intraprendere qualunque percorso di cura.

4 commenti
  1. Laura
    Laura dice:

    Per cortesia quando parlate di specialista che consiglia ginnastica mirata e io direi personalizzata dovreste indicare “dal fisioterapista” proprio per sottolineare la vostra professionalità grazie Laura Donnini

    Rispondi
    • Fisiopodos
      Fisiopodos dice:

      Ha ragione, non l’avevamo specificato soltanto per evitare la ripetizione con la frase successiva che inizia proprio con “fisioterapia”, però per evitare di generare confusione lo abbiamo corretto. Grazie!

      Rispondi
  2. Natalia Palii
    Natalia Palii dice:

    Buongiorno ho sempre sperato ché mio alluce valgo non mi farà male ,ho portato dirrei spesso tutore al dito ma niente migliorato contrario,devo fare intervento e unica soluzione (Sono una OSS immaginate),non so cosa fare impazzisco grazie

    Rispondi
    • Fisiopodos
      Fisiopodos dice:

      Buongiorno,
      se la patologia non è ancora in uno stadio avanzato, può essere d’aiuto un plantare su misura per il miglioramento della funzionalità, ovviamente solo in seguito a un’attenta valutazione podologica e posturale con baropodometria statica e dinamica, esame obiettivo del piede e tutti i test del caso. Se invece la patologia è già progredita, non ci sono alternative all’intervento chirurgico.
      Cordiali saluti

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *